28-29-30 giu 19 - CAI Parma MTB Fest a Berceto

CAI Parma MTB Fest

Berceto (PR) 28-29-30 giugno 2019

Programma

Il gruppo di cicloescursionismo MTB della sezione di Parma del Club Alpino Italiano festeggia i dieci anni di attività (2009-2019) e invita tutti i soci e gli amici, allievi ed ex-allievi e sezioni CAI dell’Emilia Romagna e della Toscana a festeggiare insieme con escursioni, dimostrazioni pratiche, lezioni per adulti e bambini e momenti conviviali. Saremo ospiti della comunità di Berceto, porta del Parco Nazionale dell’appennino, luogo di sosta lungo la via Francigena e punto di partenza dell’Alta via di Parchi.

Venerdi 28/6

19.00 Night Ride guidati dagli accompagnatori di cicloescursionismo CAI Parma MTB. ritrovo presso Piazza San Moderanno. Giro “I Groppi Rossi (m. 1275)”, distanza 20 km, dislivello 760 m., difficoltà MC/MC. Luci necessarie. Prenotazione obbligatoria

22.00 Beer&Pizza presso pizzeria “Da Romano”, piazza Micheli 8, Berceto

Sabato 29/6

9.00 Group ride guidati dagli Accompagnatori di Cicloescursionismo CAI Parma MTB. Ritrovo presso Piazza San Moderanno. Giro “Monte Fontanini (m. 1400)”, distanza 24 km, dislivello 1100 m., difficoltà MC+/MC. Prenotazione obbligatoria

9.00 Epic ride guidati dagli Accompagnatori di Cicloescursionismo del CAI Parma MTB. ritrovo presso . Giro “Lago Santo Parmense (m. 1500)”, distanza 38 km, dislivello 1800 m., difficoltà BC+/BC. Prenotazione obbligatoria

14.30-18.30 Apertura Stand CAI Parma MTB presso piazza San Moderanno. Sarà possibile incontrare gli Accompagnatori di Cicloescursionismo della Scuola di Escursionismo e Cicloescursionismo “Giorgio Fallini” per domande sulle attività svolte, ritirare materiale promozionale o anche solo per un saluto.

14.30 Pillole di cicloescursionismo presso stand CAI Parma MTB con gli Accompagnatori della scuola di escursionismo e cicloescursionismo “Giorgio Fallini” del CAI Parma. Pillole (durata 20’) tra cui: Abbigliamento per cicloescursionismo, Lo zaino del cicloescursionista, le riparazioni di emergenza da sentiero, il cicloescursionismo e la scala delle difficoltà, uso del GPS nel cicloescursionismo, preparare una escursione in MTB, e altre. Accesso libero.

14.30 Kids on bike e mini clinics, presso campetto scuola piazza Giuseppe Molinari Alcune MTB+casco disponibili. Tutti i livelli. Fino a 12 anni. Casco obbligatorio. Accesso libero previa registrazione in loco.

16.30 Skill clinics per adulti, ritrovo in piazza San Moderanno. Clinics (durata 30’). Alcuni clinics: La posizione in sella/Il fuorisella, Salita ripida su sentiero, discesa ripida su sentiero. Max 10 persone. Prenotazione obbligatoria

19.00 Cena presso trattoria Pasquinelli, via Martiri della Libertà, 33, Berceto. Costo 25 euro. Posti limitati. Prenotazione obbligatoria. Durante la serata saranno consegnati gli attestati di partecipazione ai corsi CE1 e CE2 2019.

Domenica 30/6

9.00 Group ride guidati dagli Accompagnatori di cicloescursionismo CAI Parma MTB. Ritrovo presso . Giro “Le miniere di Corchia e il sentiero dei Saggi (m.1092)”  27 km dislivello 1150 m. difficoltà MC/MC.

14.30-18.30 Apertura Stand CAI Parma MTB presso piazza San Moderanno. Sarà possibile incontrare gli Accompagnatori di Cicloescursionismo della Scuola di Escursionismo e Cicloescursionismo “Giorgio Fallini” per domande sulle attività in programma, ritirare materiale promozionale o anche solo per un saluto.

14.30 Pillole di cicloescursionismo presso stand CAI Parma MTB con gli Accompagnatori di Cicloescursionismo della Scuola di escursionismo e cicloescursionismo “Giorgio Fallini” del CAI di Parma. Pillole (durata 20’): Abbigliamento per cicloescursionismo, Lo zaino del cicloescursionista, le riparazioni di emergenza da sentiero, il cicloescursionismo e la scala delle difficoltà, uso del GPS nel cicloescursionismo, preparare una escursione in MTB, e altre

14.30 Group ride for kids, Escursione per bambini da 8 a 14 anni. Durata 3-4h circa. Ritrovo in piazza San Moderanno. Casco obbligatorio. Prenotazione obbligatoria.

16.30 Skill clinics per adulti, ritrovo presso piazza San Moderanno. Clinics (durata 30’). Alcuni clinics: La posizione in sella/Il fuorisella, Salita ripida su sentiero, discesa ripida su sentiero. Max 10 persone



Evento gratuito e promozionale. Tutti gli eventi MTB sono condotti dagli Accompagnatori di Cicloescursionismo e Direttori di Escursione della sezione di Parma del Club Alpino Italiano.

Per le escursioni, le skills clinics e le cene prenotazione obbligatoria entro il giovedì sera 27/6 scrivendo a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando cognome, nome e data di nascita, socio/non socio e sezione di appartenenza. POSTI LIMITATI ! Per non soci CAI assicurazione infortuni disponibile a richiesta al prezzo di 6 euro al giorno

Le pillole di cicloescursionismo sono aperte a tutti.

Kids on bike e mini clinics sono a libero accesso previa registrazione in loco.

Casco obbligatorio in tutti gli eventi in MTB.

Chi si iscrive accetta il regolamento delle cicloescursioni del CAI di Parma disponibile in calce

Con il supporto del Comune di Berceto.

Informazioni

Per info sull’evento: 3355334854 (Piergiorgio Rivara)

Per pernottamenti: 3282114870 (Mariella) Cooperativa di comunità “Berceto Nova”

Per aggiornamenti sul programma: www.caiparma.it, Facebook CAI Parma MTB



Come raggiungere Berceto

In autostrada: A15 Parma-La Spezia, uscita Berceto (5 km)

In treno: Linea Parma-La Spezia, stazione Berceto (località Ghiare) (10 km, 540 m. dislivello su strada poco trafficata )

 

Descrizione Escursioni

Venerdi 28/6 - ore 19.00 - Night Ride - “I Groppi Rossi (m. 1275)”, distanza 20 km, dislivello 760 m., difficoltà MC/MC.

I Groppi Rossi sono una ofiolite che emerge in modo caratteristico dai boschi dell’alta val Baganza al confine dei comuni di Berceto e Corniglio. La roccia è serpentinite e il monte ha una sommità modellata a cresta e una forma arcuata che ricorda un anfiteatro, alla cui base si sviluppa una estesa frana che raggiunge l’alveo del Baganza. I Groppi sono un geosito regionale ricompreso nel SIC dell’alto appennino parmense e ricadenti nella proposta del Parco Regionale di Berceto.

Saliremo tranquillamente lungo la strada per Bosco fino al Passo del Silara a quota 1197, quindi entreremo nel bosco dapprima su facile carrabile e poi per bel sentiero nella faggeta fino a raggiungere direttamente in sella la sommità dei Groppi Rossi che potremo ammirare da vicino nella loro originale conformazione e composizione. Il sole ormai basso donerà al luogo ancora più suggestione. Dai Groppi si scende su un single track dapprima sugli sfasciumi di serpentinite e quindi nel bosco fino agli edifici in rovina de La Capanna, dalle forme molto semplici e ridotti a ruderi, ma interamente costituiti da massi ofiolitici, esemplificativi del rapporto tra le rocce presenti nel territorio e le tipologie architettoniche. Dalla Capanna si prosegue in moderata discesa fino al Lago Bozzo e quindi per facile forestale scenderemo fino al Baganza. Poco oltre si risale qualche metro in direzione di Felgara (qualche metro a spinta) fino a raggiungere la caratteristica località di La Chiastra, curioso nucleo abitato (ora abbandonato) costruito su una rupe probabilmente sfruttata come cava. In discesa lungo un breve tratto di Via Francigena raggiungeremo il Tugo dove entreremo nella pineta di Monte Cavallo dove con un’ultima breve risalita svalicheremo definitivamente verso il Poggio e quindi in paese per la meritata birra e pizza.

Sabato 29/6 ore 9.00 - Group ride - “Monte Fontanini (m. 1400)”, distanza 24 km, dislivello 1100 m., difficoltà MC+/MC.

Il percorso della group ride che tocca il monte Fontanini è un classico bercetese, affermatosi grazie al “Raduno delle Terre Alte” organizzato dall’associazione MTB Alta Val Baganza da molti anni, che consente di percorrere uno dei pochi tratti di spartiacque appenninico tosco-emiliano, di solito molto impervio nel territorio parmense, in sella alla MTB. E’ inoltre una “summa” di itinerari famosi sia di trekking sia cicloescursionistici. La salita fino al passo del Cirone infatti corrisponde alla prima tappa dell’Alta via dei Parchi MTB, che quest’anno sarà anche percorsa per la prima volta dalla gara a tappe Appenninica MTB stage race che partirà proprio da Berceto a luglio. Giunti sul crinale, che si percorrerà fino ai piedi del monte Valoria toccando il monte Borgognone (da cui origina il torrente Baganza) il monte Fontanini e il Groppo del Vescovo, calcheremo un tratto del Sentiero Italia CAI, il trekking che dalla Sardegna e Sicilia ripercorre tutta la dorsale appenninica e alpina fino a Trieste e che passa anche sul nostro appennino. Proprio il SI che le sezioni CAI stanno percorrendo a tappe non continuative in questi giorni e che toccherà il nostro territorio domenica 7 luglio da Lagastrello a Prato Spilla per il passaggio di testimone alle sezioni Liguri (e anche noi faremo una escursione in mtb per l’occasione andando alla scoperta delle valli dei Cavalieri). Infine la discesa avverrà lungo la Via Francigena, storico cammino di pellegrinaggio, fino al Tugo dove la lasceremo per rientrare (come nella gita dei Groppi Rossi) dalla pineta di monte Cavallo. Il percorso è sostanzialmente tutto pedalabile.

 

Sabato 29/6 ore 9.00 - Epic ride - “Lago Santo Parmense (m. 1500)”, distanza 38 km, dislivello 1800 m., difficoltà BC+/BC. Prenotazione obbligatoria

L’Epic ride ricalca la Group Ride fino al passo del Cirone salvo poi proseguire lungo l’Alta via dei Parchi MTB fino al Lago Santo Parmense. Se fino al Cirone si è pedalato in quello che possiamo definire un classico giro di cross-country dal Cirone inizia un giro diverso, decisamente...all-mountain ! Ossia si affrontano sentieri di montagna con qualche tratto a piedi e salite impervie ma ripagati da paesaggi...di livello superiore. I prati del monte Tavola, il sentiero di “Maria Luigia” e soprattutto il Lago Santo Parmense con l’ultra centenario rifugio Mariotti del CAI di Parma ripagheranno di tutta la fatica fatta per arrivare….e tornare. Il ritorno poi inizierà con il più divertente sentiero dell’alto appennino parmense: “le carbonaie” e una volta tornati al Cirone ci sarà ancora ad aspettarvi il panoramico crinale del Fontanini già solcato dalla Group ride qualche ora prima.

Sicuramente un giro epico sia per l’impegno sia per le tante cose da vedere e fotografare.

I tratti a piedi “certi” sono due: la salita dal monte Corno ai prati del Tavola (90 m. d+) e dal Ponte Rotto al Lago Santo (80 m. d+), entrambi nel fresco del bosco. Più qualche tratto singolo lungo il sentiero di Maria Luigia per chi ha meno tecnica per restare in equilibrio tra le pietre di arenaria.

 

Domenica 30/6 ore 9.00 - Group ride - “Le miniere di Corchia e il sentiero dei Saggi (m.1092)”,  distanza 27 km, dislivello 1150 m., difficoltà MC/MC.

L’escursione della domenica si sposta dalla Val Baganza e Val Parma alla Val Taro, in particolare la valle del torrente Manubiola, affluente di quest’ultimo.

Quello che colpisce di questa valle (che in realtà sono due: Manubiola di Valbona e Manubiola di Corchia) è quanto sia appartata nonostante sia solcata al suo margine orientale dall’autostrada Parma - La Spezia con i suoi altissimi viadotti. Tuttavia non avendo strade carrozzabili che portano oltre lo spartiacque, terminati i paesi la valle è il regno incontrastato del bosco e delle innumerevoli mulattiere che lo solcano. Strade, mulattiere e sentieri che ci faranno scoprire come fino a pochi decenni fa queste valli brulicassero di vita, lavoro e anche storia, non sempre lieta.

Da Berceto pedaliamo verso il Tugo e poco oltre entriamo nel bosco di castagno e con una facile discesa, solo a tratti un pò dissestata raggiungiamo le case di Valbona. Proseguiamo su strada per poche centinaia di metri fino a riprendere in discesa una forestale che ci porta in breve tempo al fondovalle del torrente Manubiola, qui già riunito. Inizia la risalita che ci porterà prima a Bergotto e quindi a Case Baratta dove abbandoneremo l’asfalto per una lunghissima salita ombreggiata tra i castagni fino a San Bernardo. In questo luogo ameno conviene sostare qualche minuto per leggere le bacheche informative sugli episodi di guerra partigiana che hanno contraddistinto il luogo ma anche coinvolto in generale tutta la popolazione della valle per aiutarci a tenere a mente che la pace in cui viviamo oggi non è scontata. Si scende qualche decina di metri per ricominciare una seconda salita questa volta in paesaggio lunare e aperto. Siamo infatti su rocce ofiolitiche e soprattutto sui graniti del Groppo Maggio, monte che già i Farnese tentarono di sfruttare per l’estrazione di rame e che è costellato ancora oggi di gallerie minerarie. Rientrati nel bosco siamo pronti per una divertente discesa su single track fino alla miniera “Pietra del Fuoco”, recuperata alla fruibilità turistica e visitabile solo con guida. Si prosegue la discesa su carrareccia a tratti brecciata e in pineta fino al torrente Manubiola di Corchia. Da qui in un attimo si raggiungono le case del paese di origine medievale e in gran parte perfettamente restaurate. Tornando sui nostri passi fino al ponticello sul torrente saliamo con strappi ripidi fino a Case Findone. Da qui per antica mulattiera nel castagneto secolare (“i saggi”) discendiamo nel ramo del torrente di Valbona, paese che raggiungiamo dopo avere superato un altro ponticello. Da Valbona piano piano (circa 40’) rientriamo a Berceto su strada (fare acqua a Corchia o Valbona prima del rientro al sole).

 

Regolamento

1. Lo scopo delle escursioni, secondo lo spirito del cicloescursionismo in ambito CAI, è quello di trascorrere una giornata in compagnia, nel massimo della sicurezza e nel pieno rispetto per l’ambiente.

2. Le escursioni non sono gare e qualunque forma di agonismo, anche amichevole, è vietata.

3. Chi aderisce alle escursioni in programma dichiara di essere cosciente dell'impegno fisico e dei rischi che l'attività del cicloescursionismo comporta e di essere consapevole che, per partecipare a questa attività, è necessario possedere: idonea attrezzatura ed equipaggiamento; adeguata preparazione atletica al fine di superare lunghezza e dislivello previsti; capacità tecniche sufficienti per affrontare le difficoltà indicate per ogni singola uscita.

4. L'adesione alle escursioni deve essere approvata dal Direttore di Escursione. Per i minori di anni 18 si richiede la presenza di un genitore o da chi ne fa le veci.

5. Alle escursioni che presentano particolari difficoltà possono partecipare solo coloro che, ad insindacabile giudizio del Direttore di Escursione o del gruppo accompagnatori, abbiano dimostrato in uscite precedenti di possedere i requisiti minimi indispensabili per affrontare in sicurezza il percorso in programma.

6. Possono essere esclusi dalle escursioni coloro che nelle escursioni precedenti si siano comportati difformemente dallo spirito del Gruppo, ad insindacabile parere del Direttore di Escursione o del gruppo accompagnatori.

7. Ogni escursione verrà seguita da almeno due accompagnatori cui esclusivamente spetta ogni decisione in merito allo svolgimento della stessa, anche difforme dal programma qualora necessario. Nel caso non fossero disponibili due accompagnatori il Direttore di Escursione stabilirà preventivamente un numero massimo di partecipanti compatibile con il percorso scelto

8. Il Direttore di Escursione potrà variare località e data, variare il percorso in programma o annullare l’escursione qualora le condizioni dei partecipanti, quelle atmosferiche o del percorso stesso non fossero ritenute favorevoli.

9. L’escursione ha inizio e termine nelle rispettive località indicate sul programma. La località di partenza viene raggiunta dai partecipanti con le modalità indicate dagli organizzatori entro l'orario stabilito.

10.Nel caso di percorrenza di strade aperte al traffico veicolare, tutti i partecipanti devono attenersi alle disposizioni del vigente Codice della Strada.

11.L'uso del casco è obbligatorio: esso deve essere mantenuto correttamente posizionato e allacciato per l’intera durata della escursione, con la sola esclusione delle pause.

12.Le decisioni degli organizzatori e in particolare del Direttore di Escursione devono essere scrupolosamente rispettate, sia prima che durante l'escursione. Sono assolutamente da escludere le iniziative personali: chi si discosta dal gruppo di propria iniziativa, non segue le indicazioni degli accompagnatori, non osserva le presenti disposizioni e/o quelle del regolamento sezionale verrà considerato automaticamente escluso dall’escursione assumendosi ogni responsabilità conseguente.

13.Tutti i partecipanti sono obbligati a prestare soccorso e comunque a collaborare con gli accompagnatori in caso di loro richiesta o necessità.

14.È vietato superare l'accompagnatore di testa e voler farsi superare dall'accompagnatore di coda.

15.È fatto obbligo a tutti i partecipanti di rispettare le norme del codice di autoregolamentazione, con particolare riguardo all’uso del casco, al rispetto dell’ambiente e delle altre persone che si incontrano sul percorso.

16.Ogni partecipante è responsabile della propria salute, del proprio mezzo e della relativa conduzione e dovrà tempestivamente segnalare agli accompagnatori eventuali problemi o difficoltà.

17.Il costo della singola escursione viene determinato in accordo a quanto stabilito dal regolamento escursionistico sezionale (in particolare con riferimento all’art.16).

Codice di autoregolamentazione

Il CAI annovera la bicicletta tipo mountain bike tra gli strumenti adatti all'escursionismo. Il comportamento del cicloescursionista deve essere sempre improntato al fine di: "Non nuocere a se stessi, agli altri ed all'ambiente".

Norme ambientali

  • I percorsi sono scelti in funzione di tracciati e/o condizioni ambientali che consentano il passaggio della mtb senza arrecare danno al patrimonio naturalistico; evitare di uscire dal tracciato.
  • Le tecniche di guida devono essere ecocompatibili, evitando manovre dannose quali, ad esempio, la derapata (bloccaggio della ruota posteriore).
  • Non fa parte della filosofia CAI servirsi d'impianti di risalita o di mezzi meccanici e poi usare la mtb solo come mezzo di discesa (il downhill è estraneo allo spirito del CAI).

Norme tecniche

  • Il mezzo in uso deve essere in condizioni meccaniche efficienti.
  • L'abbigliamento, l'attrezzatura e l'equipaggiamento devono essere adeguati al percorso da affrontare.
  • Il casco deve sempre essere indossato ed allacciato.

Norme di sicurezza

  • La velocità di conduzione deve essere commisurata alle capacità personali, alla visibilità ed alle condizioni del percorso, in modo da non creare pericolo per sé e per gli altri.
  • Occorre sempre dare la precedenza agli escursionisti a piedi, che devono essere garbatamente avvisati a distanza del nostro arrivo, a voce o con dispositivo acustico.
  • La scelta dei percorsi deve tenere conto delle personali capacità fisiche, tecniche ed atletiche.

Scala delle difficoltà cicloescursionistiche

Grado di difficoltà

Descrizione delle difficoltà

TC

Turistico: percorso su strade sterrate dal fondo compatto e scorrevole, di tipo carrozzabile.

MC

per cicloescursionisti con media capacità tecnica: percorso su sterrate con fondo poco sconnesso o poco irregolare (tratturi, carrarecce…) o su sentieri con fondo compatto e scorrevole.

BC

per cicloescursionisti di buone capacità tecniche: percorso su sterrate molto sconnesse o su mulattiere e sentieri dal fondo piuttosto sconnesso ma abbastanza scorrevole oppure compatto ma irregolare, con qualche ostacolo naturale (per es. gradini di roccia o radici).

OC

per cicloescursionisti di ottime capacità tecniche: come sopra ma su sentieri dal fondo molto sconnesso e/o molto irregolare, con presenza significativa di ostacoli.

Letto 1470 volte

Sponsor

News Corsi

Newsletter CaiParma

Newsletter Family Cai

Seguici su Facebook

Cai Sezione di Parma - APS

Sede Legale
Via Piacenza 40 - 43126 Parma (PR)
Telefono 0521 984901
Mail caiparma@caiparma.it
PEC parma@pec.cai.it
CF 92038500341 - P. Iva 02078830342
Conto Corrente
IBAN IT67W0306909606100000150681
Intestato a "Club Alpino Italiano Sezione di Parma"